Capitolo 49 – Poesie

P. 201, Kaoru:
Perché al mio cuore debbono essere care le cose che svaniscono più rapide della rugiada del mattino?

P. 203, Kaoru a Kozeri:
Splende ancora bella come sull’alba, quantunque ora il suo candore lo debba alle gocce di rugiada.
Risposta:
Più fortunato il fiore che perisce nella freschezza dell’alba, di me che, indugiando come la guazza, vado incontro alla vampa del giorno.

P. 206, Yugiri a Niou:
Alta pende la luna sulla casa in attesa. Le ore della notte avanzan leggere, e ancora nessun fruscio di passi si sente.

P. 208, Kozeri:
Mai il vento delle montagne nel solitario villaggio, nel più selvaggio autunno, ha destato un simile brivido nel mio cuore!

P. 211, Ochiba (per Roku no Kimi) a Niou:
Come avviene che da quando ho passeggiato là, il fiore del mio giardino sia così subitamente appassito? Può essere che la rugiada scortese del mattino l’abbia trascurato?

P. 215, Ancella a Kaoru:
Se in questa terra dove mi avete portata nessun occhio deve vedere che vivo, a che mi servirà aver guardato i bassifondi per arrivarci?
Risposta:
Quantunque sembri bassofondo all’occhio il fiume che divide da queste terre, pure, giù in basso, sotto le torbide onde, scorre una corrente che non cesserà mai.

P. 237, Kaoru:
Se la rimembranza non avesse trovato, come il vischio sul tronco, il suo ospite e il suo ostello, sarebbe stata davvero triste la sosta di stasera.
Risposta di Ben no Kimi:
Che desolazione, anche se su questo moncone di albero, secco e vacillante, il vischio può degnarsi di riposare.

P. 239, Niou:
O gineria, per quanto sia innocente il tuo fiore, ti tradiscono quelle maniche accennanti, molli di melanconica rugiada.
Kozeri:
Questo desolato autunno si affretta attraverso i campi a piegare i fiori che il gelido soffio di vento tradisce.

P. 249, Kaoru:
È troppo alto per l’amore di uno qualunque (così ha decretato il mondo), il ramo sul quale ho steso la mano per cogliere una ghirlanda per la fronte imperiale.
Kobai:
Grandiose debbon esser state, al di là di ogni umano pensiero, le aspirazioni dell’albero che ha avuto licenza di crescere in quelle alte sfere!

P. 255, Kaoru su Ukifune:
Causa la magìa di quella tua voce, non potrò più aver pace, o uccello della remota terra dei boschi, finché non abbia trovato il sentiero della tua casa.

Poesie dal Capitolo 48

Capitolo 49

Poesie dal Capitolo 50

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *