Capitolo 47 – Poesie

P. 115, Kaoru ad Agemaki:
Potessimo noi come i fili del nastro, che prima stavano separati ma adesso sono per sempre congiunti, essere uniti dai legami di un indissolubile amore!
Risposta:
Troppo amare e frequenti sono le lacrime mie, per infilarle nel breve filo dell’amore…

P. 124, Kaoru ad Agemaki:
Quasiché la campagna non avesse giù a sufficienza spettacoli e rumori, ci mancava il gallo a disturbarci sull’alba in questo villaggio montano!
Risposta:
Immuni dalle noie e dagli urti della vita io avevo creduto questi monti e questi boschi; eppure, sin qui il mondano chicchirichì del galletto mi aveva inseguito!

P. 135, Kaoru ad Agemaki:
Vi farà pensare alla primavera o all’autunno questo unico ramo dalle tinte contrastanti, o Signora della Montagna?
P. 136, risposta:
Con quale intenzione non so, ma sul lato autunnale ha steso la sua tinta più cupa, la Signora della Montagna.

P. 137, Niou a Kaoru:
Chi sarà tanto bisbetico da mettere una siepe intorno al prato dove fioriscon le margherite?
Risposta:
È fitta la nebbia nei campi al mattino, e deve cercar cautamente, chi vuole scoprire quei fiori.

P. 142, Kaoru:
Non colui di cui guidai i passi, ma io, guida distratta, nei viali bui della notte ho perso il mio cammino.
Risposta di Agemaki:
Volendo, avete perduto il cammino! Più sfortunate noi, che da piste ingannevoli siamo state adescate nei dedali della notte.

P. 143, Niou a Kozeri:
Se fosse stato un comune capriccio, avrei forse scavato il mio cammino attraverso le erbe appesantite dalla guazza?

P. 146, Kaoru ad Agemaki:
Questi, che sono finimenti d’amore, quantunque l’amore stesso sia stato beffato, può la cortesia guardar diffidente?
Risposta:
Quantunque la cortesia, come un indumento presso il cuore, di giorno in giorno si logori, deve essa aver bisogno di appellarsi al fascino di un finimento d’amore?

P. 151, Niou a Kozeri:
Se assenza volesse dire oblio, allora potreste davvero distendere la vostra manica a piangere, o Signora del Ponte.
Risposta:
Quantunque assenza e oblio siano tutt’uno, paziente nella sua casa remota aspetterà, la Signora del Ponte.

P. 156, Kurodo no Shosho:
Triste adesso per quelli che han visto quel giardino in gaia e vivente fioritura, trovarsi sotto l’ombra dei rami cadenti.
Kaoru:
La Bellezza andò perduta, ma nel rosso fogliame risorse, per andare di nuovo perduta. Di te, specchio perfetto dell’incertezza del mondo, io parlo, o ciliegio.
Fratello di Kurodo no Shosho:
Ci stacchiamo noi oggi meno riluttanti dall’acero, di colui che un giorno un altro autunno strappò da questa sua casa montana?
Moderatore della Casa dell’Imperatore:
Come può essersene andato lui, mentre tuttora sulla scabra parete di roccia si avvinghia tenace l’effimera radice?
Niou:
Su questi malinconici giardini, giù abbastanza desolati al cader dell’autunno, non soffiar troppo crudo, o vento dei boschi montani!

P. 160, Niou alla Prima Principessa:
Quanto debbo essere odioso io, se mani estranee possono strappare dalle fresche e tenere radici la pianta che a me non è lecito nemmen di toccare!

P. 164, Niou a Kozeri:
Dato che sul capo di entrambi pende la stessa tempesta, perché dovrebbe questa notte piovosa accrescere al di là d’ogni limite la mia inquietudine?
Risposta:
Un giorno dopo l’altro sulle nostre solitarie montagne batte la grandine, mentre sempre più buia dall’alto si fa la regione del cielo.

P. 169, Kaoru:
Triste come sull’alba i lamenti degli uccelli che scuoton i ghiaccioli scintillanti della brina dalle loro ali.
Risposta di Ben no Kimi:
Sanno che immenso dolore riempia la casa, gli uccelli le cui strida invadono la riva gelata?

P. 171, Kaoru:
Un’alba succede all’altra, ma pure nessuna giornata di luce giunge a questi selvaggi altipiani, dove, entro nubi di dolore, la ghirlanda della luce è celata.

P. 173, Kaoru:
Al di là delle tenebre che si ispessiscono, con la luna che fila attraverso gli spazi sereni del cielo occidentale, potesse l’anima mia navigare!

P. 174, Kaoru:
Poiché senza di te son sperduto, potesse la mia vita, come una traccia sulla neve di un monte desolato, prender per incantesimo fine!

P. 176, Kozeri a Niou:
Di quanto è accaduto prima, sarebbe davvero corta la mia memoria, se nelle cose avvenire osassi riporre fiducia.

Poesie dal Capitolo 46

Capitolo 47

Poesie dal Capitolo 48

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *